Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

A) Composizione

  1.        I.            L’Assemblea generale degli iscritti regolarmente costituita è formata da tutti gli aderenti all’associazione che alla data di convocazione siano in regola con il pagamento della quota sociale annua di iscrizione.
  2.     II.            L’Assemblea è il massimo organo deliberante dell’associazione ed è convocata in sessioni ordinarie e straordinarie.
  3.  III.            Le deliberazioni dell’Assemblea, prese in conformità della legge e del presente statuto, obbligano tutti gli associati sia dissenzienti che assenti e sono conservate a cura del Presidente o del Segretario presso la sede sociale ove possono essere consultate da tutti gli associati.

B) Presidenza

  1.        I.            E’ presieduta dal Presidente del Consiglio Direttivo e in caso di sua assenza dal Vice-Presidente. Nel caso di assenza di entrambi l’Assemblea dei soci nomina un proprio Presidente.
  2.     II.            Il Presidente nomina un Segretario, che ha il compito di redigere il verbale di Assemblea e firmarlo in calce unitamente alla sottoscrizione apposta dal Presidente dell’associazione. Il suddetto verbale è iscritto nel Registro delle Assemblee degli associati, è conservato a cura del Presidente o del Segretario presso la sede dell’associazione e può essere consultato da ciascun socio il quale ha diritto di estrarne copia.

 C) Convocazione

  1.        I.            L'Assemblea ordinaria dei soci si riunisce, almeno una volta l'anno, entro il giorno 30 del mese di aprile, in occasione dell’approvazione del bilancio consuntivo e preventivo e per l’eventuale rinnovo delle cariche sociali, su convocazione del Presidente o ogni qualvolta ne faccia richiesta almeno 1/3 (un terzo) dei soci.
  2.     II.            L’Assemblea straordinaria viene convocata ogni qualvolta il Presidente o persona dallo stesso a ciò delegata, lo ritenga necessario.
  3.  III.            La convocazione dell’Assemblea dei soci, sia ordinaria che straordinaria, avviene mediante l’affissione dell’avviso scritto nell’apposita bacheca posta presso la sede sociale dell’associazione, o inviando individualmente a tutti i soci, anche se sospesi o radiati.
  4.  IV.            L’avviso per lettera raccomandata o consegnato a mano almeno n° 5 (cinque) giorni prima della data prevista per la riunione, oppure anche a mezzo telefax, telegramma o posta elettronica.
  5.     V.            L’Assemblea dei soci, stante la mancanza di apposita regolamentazione ad hoc prevista dalla legislazione vigente, può prevedere ulteriori modalità di convocazione, qualora il numero degli associati diventi tale da rendere difficoltosa l’individuazione di una sede adatta.
  6.  VI.            L’Assemblea deve essere tenuta entro 30 (trenta) giorni dalla convocazione.
  7. L’avviso di convocazione deve contenere:

a)      La data, l'ora e la sede della prima e dell’eventuale seconda convocazione dell’Assemblea dei soci (convocazione quest’ultima che può anche avvenire in ora successiva dello stesso giorno della prima convocazione);

b)     un elenco per l’eventuale delega a terzi esclusivamente soci aventi diritto al voto;

c)      l'ordine del giorno;

D) Costituzione

  1.        I.            L’Assemblea è regolarmente costituita in prima convocazione con la presenza fisica in proprio o per delega della metà più uno dei soci aventi diritto al voto. In seconda convocazione, che può svolgersi nello stesso giorno della prima, l’Assemblea è regolarmente costituita qualunque sia il numero dei soci intervenuti in proprio o per delega.
  2.     II.            L’Assemblea delibera in particolare su:

      a)            la nomina o sostituzione degli organi sociali e degli eventuali Collegi di controllo e di garanzia qualora ne venga prevista la loro costituzione;

      b)            gli indirizzi e le direttive generali dell’associazione;

      c)            la redazione, l’approvazione, la modifica o la revoca dei regolamenti interni;

     d)            le modifiche al presente statuto e all’atto costitutivo;

      e)            l’approvazione del programma dell’attività da svolgere proposto dal Consiglio Direttivo;

       f)            l’individuazione di altre attività direttamente connesse esclusivamente per scopo di autofinanziamento dell’associazione e senza alcun fine di lucro;

      g)            il ricorso presentato da un socio che è stato espulso;

      h)            l’approvazione o il rigetto del bilancio preventivo con voto palese e con la maggioranza dei presenti, previo deposito del medesimo presso la sede sociale 10 (dieci) giorni prima, onde consentire un’eventuale consultazione da parte di ciascun associato;

        i)            l’approvazione delle relazioni annuali da presentare al Consiglio Direttivo;

        j)            la determinazione dei limiti del rimborso spese sostenute dagli amministratori dell’associazione, e dai membri degli eventuali Collegio Arbitrale e Collegio dei Revisori Contabili;

      k)            l’eventuale destinazione di utili o avanzi di gestione, nonché di fondi o capitale nel corso della durata dell’associazione;

        l)            la determinazione dell’ammontare delle quote sociali annue a carico dei soci;

    m)            l’eventuale scioglimento dell’associazione e devoluzione del patrimonio associativo;

      n)            l’eventuale messa in liquidazione dell’associazione e relativa nomina del commissario liquidatore;

      o)            Le deliberazioni dell’Assemblea sulle questioni poste all’ordine del giorno sono adottate a maggioranza semplice dei soci presenti siano essi soci fondatori o soci ordinari. E’ richiesto il voto favorevole della maggioranza assoluta dei soci per le deliberazioni relative alle modifiche dello statuto e dell’atto costitutivo dell’associazione.

  1.  III.            Tali delibere avvengono a scrutinio palese salvo diversa richiesta da parte dei 2/3 (due terzi) dei presenti.
  2.  IV.            Ogni socio ha diritto ad un voto. E' ammessa una sola delega scritta per  ciascun socio. Le deleghe devono essere consegnate all’inizio della riunione al Segretario che provvede a verificarne la validità e a consegnare quelle ritenute valide al Presidente per la controfirma.
  3.     V.            L’assemblea adotta le proprie deliberazioni con voto palese.
  4.  VI.            L'assemblea adotta il metodo del voto segreto quando si tratti di elezione alle cariche sociali o quando la deliberazione riguarda singole persone;
  5. Risultano approvate quelle deliberazioni che raccolgono il consenso della maggioranza dei presenti;
  6. Qualora nel voto a scrutinio segreto le proposte ottengano la parità dei consensi, queste si intendono respinte;
  7.  IX.            Nelle elezioni delle cariche sociali qualora due o più candidati ottengano la parità dei consensi, si procederà con una nuova votazione fino ad un massimo di 4 (quattro) per assemblea;
  8.     X.            Le deliberazioni dell’assemblea straordinaria relative a modifiche dello Statuto sociale  ed a variazione della sede legale sono approvate con il voto favorevole dei tre quarti dei soci presenti;